Nicola Carrino
Nel fare arte contemporanea e nel suo evolversi e trasformarsi, la scultura a mio avviso, continua a dare risultati di validità persistente. II misurarsi con lo spazio reale, attraverso materie e specifici procedimenti, raffrena le espressità immotivate del singolo o del privato per contemperarsi nelle necessità di un linguaggio pubblico e comunitario. La scultura si rapporta al luogo, lo crea e lo trasforma con la sua presenza tattile ed effettiva. La scultura è procedimento e resa del reale che non prescinde dal luogo e ad esso finalizza. Giuliani è scultore in questo senso.

L’oggetto che forma è strumento comunicativo e mediatore della trasformazione operata. Ho seguito diversi interventi in alcuni luoghi del Lazio e della Catalogna. Giuliani, con altri giovani artisti, operava sul luogo. Sul luogo avviene la scelta dei materiali, dal luogo si traggono le indicazioni formali, per il luogo si lavora e si definisce l’opera. È la pietra il cruccio e la delizia di Giuliani. Dal travertino della sua terra ha tratto forza e capacità nel lavorarlo. Gli oggetti che forma sono forti ed esili al contempo. La materia è risolta al limite di rottura. Giuliani entra nel blocco quasi a scavarsi una nicchiaalla ricerca del ventre materno, quello della terra e della pietra che la sustanzia. Uno scavare duro e attento, forme concave e convesse quasi trasparenti. II plasmare è possedere la materia.

Giuliani ingoia il travertino di cui si nutre. Ne lascia infine un’ostia a noi, per adire ad un possibile comunicarci con l’arte. Un diaframma limite oltre il quale può accadere di tutto e che pertanto sospende il tutto, lo spazio e il tempo, tra apparenza e verità, possibilità di osare e necessità del fermarsi. Giuliani sa dove fermarsi. II suo progetto è motivato, persegue e scopre le ragioni dell’intimo e le necessità della materia e dello spazio. Un comportamento nel fare arte che risponde al comportarsi dell’uomo. Attento e meditato il pensare, sicuro e ardito il procedere.

Catalogo della Mostra Biennale Catalogo della Mostra Catalogo della Mostra Biennale