Umberto Peschi

Giuliani si è creato il suo mondo con molta calma, aumenta costantemente il bagaglio di conoscenze ed esperienze. Chi lo conosce si rende conto benissimo che il marmo, specie il travertino, gli è proprio congeniale. Ha “allungato il passo” ed oggi si trova già molto avanti. La critica lo sta scoprendo giorno dopo giorno e dire che il suo lavoro avrà un peso sostanzioso nel movimento dell’arte non è esagerato.

 

XXVI Premio G.B.Salvi, 1976, Piccola Europa, Sassoferrato 1976, travertino, cm 130x60x35
XXVI Premio G.B.Salvi, 1976, Piccola Europa, Sassoferrato